h1

Ginocchia magre di tossico

10 maggio 2008

Ogni volta che vado in centro cammino pensando alla strada da fare, così inutile, sempre la stessa. E poi guardo i vicoli di Perugia, sempre gli stessi, così medievali da far vomitare. Innocente non è niente a Perugia. E’ tutto così macchiato dal passato che non riesci nemmeno a piangere per un futuro che non hai.

Quei ragazzi che incontri mentre vaghi disperato in centro, non hanno mai potuto capire niente, non hanno capito niente. Mentre i cani pisciano su Palazzo dei Priori tu bevi una birra e ti aggiusti i capelli, idiota italiano.

Se chiudi gli occhi e li riapri su quel Cristo sottovetro, lo vedrai sorridere e chiedere una sigaretta. Perché lui sa bene cosa chiedere a Perugia. Città blasfema di gente battezzata che accoglie i disgraziati del sud come me.

Vino e pioggia, sulla cattedrale più violata d’Italia, dove al profumo d’incenso si mischia il suono dei tamburi.

Passo volentieri l’alba appoggiato alle lance che proteggono la fontana dove vomitare per confondere il disagio con l’acqua. Berla tutta quell’acqua farebbe bene a quei genitori che sotto la pioggia confondono i figli con la vita e li guardano giocare con i cani del loro futuro innominabile e disperato.

Perché i migliori avranno un cane, e saranno i più stupidi, e saranno i migliori.

In giro per quei bar gestiti da canaglie senza bagno per ubriachi, ma con noccioline per scimmie in giacca e cravatta. Impossibile andare in bagno, “non c’è”, “chiuso”, “vietato” – andremo a pisciare sulle tombe dei vostri santi maledetti.

Perugia è piena di ventenni con abissi sulle braccia ed enormi orsi bianchi per amici.

Dove troveranno la forza per uscire dai loro abissi bruciati, quei tossici con i loro camici adidas stracciati, confusi tra i venditori di rose? Li immagino, ubriaco, appoggiato al vetro di Luisa Spagnoli (Luisa sepolta in mezzo al bosco), tornare a casa, tutti nella stessa merdosa casa a bere con i loro cani pelosi a dormire sulle loro ginocchia magre di tossici.

Cosa passa rapido e indolore sulle vostre vene ferite, sino al cervello, nero, bruciato?

2 commenti

  1. bellissima


  2. realtà…bruciante realtà….. lascio solo un anoressico commento… mi piace anzi mi Piace (::)<



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: