h1

Durante un orgasmo immaginario

20 marzo 2011

foto di Felix Nadar (1894)

Così finalmente ti ho vista:

un cesto di parmigiano reggiano per cappello,

pelle color salmone

sull’indice un anello di ricotta.

Cosa sogni?

Con il mio gancio

ho tirato giù un pezzo di cielo,

riempiendo di sangue

i ragazzi giù al pub:

pensavo di farti un abito

così da riuscire

a vestirti d’altro,

oltre che di questa saliva

piena di vino.

Hai scritto un libro

che ho letto a pezzi

su letti sfatti,

spesso angosciato dall’infanzia del sole

ho atteso il ritorno della mia vittima:

ho ferito a morte la notte

e ancora la sogno

mentre si trascina per Roma

come una puttana qualsiasi.

L’ho finita una mattina

durante un orgasmo immaginario

l’ho soffocata d’eterosessualità:

maledetta lesbica

amante infuocata

di stelle dolciastre.

A tutto il resto

hai pensato tu,

seppellendo nella discarica della nostra carne

i residui che ancora incrostano

le mie mani sporche d’assassino.

3 commenti

  1. Mi piacciono molto le poesia di Tano perchè trasudano di una sessualità viscerale e sudata….


  2. Nel 1801 sia Nadar che la fotografia…Non erano ancora nati. Piccola precisazione.


    • giustissimo, grazie per la segnalazione. la foto è del 1894



Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: