h1

Divergenze tra i compagni artisti e noi

1 dicembre 2011

Charles Bukowski

A due dita dal materasso

dorme un posacenere pieno di sputi

sognati un mese prima,

durante le lunghe passeggiate

del signor Katarrhein lungo le rive del cervello:

inappuntabile nobile,

frutto del peccato di gole arse

giace ora accanto a quei pesci morti d’artisti

imbaccucati per l’inverno

sopra le loro didascalie broncopolmonari

comunemente chiamate cazzi.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: