h1

Singularity

30 gennaio 2012

di Luca Celada per il manifesto

La Northrop Grumman sta testando il primo drone di ultima generazione, interamente robotico, cioè controllato dal computer di bordo. Si prefigura insomma una prossima guerra in cui saranno i circuiti delle unità di elaborazione a valutare le rotte, le telemetrie, decolli, atterraggi (anche su portaerei) e a selezionare gli obbiettivi dei bombardamenti. Si prospettano quindi come ormai imminenti scenari inquietanti anche per chi non conosca la trama della saga Terminator con l’ascesa di Skynet e la ritorsione anti-umana delle macchine da guerra.

Anche senza scomodare la distopia fantascientifica di James Cameron ci sembra un buon momento per rammentare ai geni del pentagono l’ipotesi sempre meno astrusa della Singularity prossima ventura. Secondo la teoria della “singolarità tecnologica” (proposta tra gli altri dal matematico Vernor Vinge e dal futurologo Ray Kurzweil), lo sviluppo tecnologico si avvia inevitabilmente ad un punto di rottura in cui le invenzioni supereranno gli inventori.

(continua su il manifesto)

One comment

  1. In merito al vostro articolo vi invio la segnalazione della nostra raccolta di firme sulla messa al bando delle armi robotiche.
    La nostra associazione “NOW – No robot War” sta promovendo verso le Nazioni Unite un appello con l’obiettivo di ottenere il divieto dell’uso di robot di guerra e, allo stesso tempo, di sostenere una moratoria universale contro lo sviluppo e l’utilizzo di queste tecnologie con l’obiettivo della loro completa soppressione.
    Come sapete, i “Robot di guerra” sono strumenti di morte. “Portatori” della guerra senza l’uomo; questa è una novità che non ha precedenti dal punto di vista politico, giuridico, etico e militare.

    I robot di guerra sono un pericoloso passo nello sviluppo della guerra; tendono a diluire le responsabilità di singoli atti favorendo l’attenuazione dei vincoli che comporta una decisione così grave come quella di fare una guerra. I livelli democratici di decisione istituzionale possono più facilmente essere superati o ignorati.
    Ma non è solo un problema di natura istituzionale o democratica.
    Le nuove generazioni di Robot destinati alla guerra si basano sulla capacità autonoma di prendere la decisione di intervenire per uccidere. La decisionalità umana viene bypassata dagli algoritmi che sostituiscono emozioni e logica umana, sentimenti e calcolo degli interessi in gioco.
    Non solo.
    Una nuova frontiera, annunciata solo qualche mese or sono, sta segnalando una ulteriore tendenza verso la completa autonomizzazione di tali armi. Nuovi robot di terra, definiti EATR acquisiranno l’energia necessaria al loro funzionamento attraverso motori basati sull’utilizzo del ciclo del carbonio. Questo segnala la necessità, per tali macchine, di procurarsi elementi organici come combustibile. Non devo sottolineare a te la discontinuità di tale innovazione e a quali scenari può condurre.
    Queste due ultime novità saranno presto sommate insieme e l’umanità si ritroverà proiettata in un scenario completamente nuovo, esattamente come avvenne con le armi atomiche che segnarono un punto di non ritorno nella nostra storia.
    Ma con una differenza.
    Le armi atomiche necessitavano di grandissimi investimenti in ricerca e sviluppo e, per questa ragione, restavano esclusive di una élites mondiale. Le armi robotiche no. Più si avanza nella ricerca tecnologica applicata alla guerra, più tali macchine saranno a basso costo, distribuendo tali capacità militari sull’intero pianeta.
    Non abbiamo molto tempo.
    Vi preghiamo di aiutarci con il tuo sostegno influente – iscrivendoti alla nostra associazione e promuovendo attivamente la nostra campagna – per fermare questo incubo.
    Il testo completo dell’appello è rintracciabile presso il sito:

    http://www.norobotwar.org

    e si può aderire o utilizzando il sito o inviando una mail a:

    info@norobotwar.org

    Vi chiediamo, inoltre, la possibilità di inviare questo testo, nel caso si condivida l’appello, ad almeno 10 vostri amici.

    Sergio Bellucci
    Presidente di NOW – No robot War



Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: