h1

Paradisi magri

4 luglio 2012

Umberto Boccioni, “Stati d’animo II. Gli addii” (1911)

La sostanza,
mi spiegava sul 71 un uomo seduto sulla sua barba,
non significa niente.

Proprio così:
Mentre io bruciavo l’aria
Sudando sulle cosce

di un’anziana forse morta,
lui fumava

fuori dal finestrino di Dio

e filosofeggiava di autostrade incoscienti

che io avrei attraversato,

grintose arrapature temporali,

addirittura paradisi magri,

trasparenti.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: