h1

Viaggi spaziali e insetti

28 agosto 2012

Hans Richter (1888-1976)

Il pomeriggio risucchiato

nel fondo nero-argento

di un “gelataio” meccanico.

Croste di sensi di

colpa

a scaglie

lungo il tragitto

lasciate tutte marcire per terra,

le leccano i cani.

Fuggire:

un’ape immensa

succhia fiori neonati;

rumori dal bagno di fronte.

Nessuno si accorge

che non piove solo

perché il cielo suda,

e trattiene,

e rilascia lentamente

colpevolezza blu.

One comment

  1. Come volevasi dimostrare!!!!



Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: