h1

“Ciao Alessandro, come sta il papa?”

25 ottobre 2012

“Alexander Pope” (di Charles Jervas)

Allora:

io ero in quest’aula d’università

e codificavano il verso libero:

“è così, e poi così

e così e così”.

E l’ombra della lumaca mi seguiva

mentre mi chiedevo se la tecnica

fosse una mia mancanza.

“Alexander Pope”

O cazzo,

mi è caduta la sigaretta

tra le gambe di una signorina

fatta di fumo,

dal sapore vagamente dolce.

“E poi sapete

dovete

dovete

bla bla bla”.

Piccola pizza malinconica

sciolta in bocca,

assaporata in solitudine.

Solita afa

post sogno-lezione,

e così via.

One comment

  1. Mi piace, mi piace! Davvero!



Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: