h1

Stella rossa (di Matteo Zola)

6 marzo 2014
(foto di Nikolai Vlasik)

(foto di Nikolai Vlasik)

E porto la stella rossa, qui dove non sanno
lo spettro (cromatico) dell’amore. La porto
invicta
sullo zaino, scambiata per un asso pigliatutto
a un mercato ucràino o ucraìno.
Ma sotto queste nuvole a lutto
manichini mi guardano
senza nome né volto
e non riesco a risolverli in una Peroni,
in un verso di Benn

così immagino
muse concubine per la working class, immagino
Europa e il toro fecondi e lascivi
prima della gran puttana
dalla mammella unica
e l’erezione del Muro.

Ma
mi desta di Dido il canto, tutta fame e pustole,
e sento
mangiaossa e altri marinai
succhiarmi le costole

– io porto la stella rossa, e faccio vergogna alla gente
che mi sogna, si bagna, mi sputa
e non saluta
più
nemmeno i suoi sogni.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: